Utilizziamo i cookies per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito, ne accetti il loro utilizzo.

 

We have 90 guests and no members online

A A A

POSITIVO INCONTRO IN MUNICIPIO TRA IL COMANDANTE MARCO GIOVAGNORIO E IL CDQ MORENA

 

Dalla settimana prossima, per due giorni a settimana sarà attivato nel quartiere di Morena un presidio mobile dei vigili urbani.

Lo ha annunciato ieri, lunedì 9 febbraio, il Comandante del VII° Gruppo della Polizia Locale di Roma Capitale Marco Giovagnorio, nel corso dell’incontro con il Comitato di Quartiere Morena, rappresentato – su delega del Presidente Enzo Richetti – da Walter Scarpino e Roberto Minotti. 

Nel corso dell’incontro, cui hanno preso parte anche due funzionari del Gruppo (Dr. Cirillo e Dr. Demontis), sono state affrontate tutte le problematiche riguardanti il quadrante di Morena.

Il CdQ ringrazia ed esprime soddisfazione per la disponibilità mostrata dal Comandante Giovagnorio e dal Gruppo. L’obiettivo è creare sul territorio un clima di mutua collaborazione tra i vigili urbani, i cittadini e il tessuto commerciale. A tale scopo, compatibilmente con le esigenze di servizio, le pattuglie saranno composte dagli stessi agenti, in modo da stabilire un rapporto più diretto e collaborativo con tutti i cittadini.

Il Cdq ha presentato una serie di documenti, elaborati nel tempo, sui diversi temi dell’incontro, entrando nel merito anche di singole problematiche, come ad esempio la situazione del traffico in entrata e uscita dalle scuole; i pericoli indotti dall’assenza in alcune zone di illuminazione pubblica (tra tutte, la questione di via Fontanile Anagnino) o la pericolosità di pali e alberature in posizione non conforme al codice della strada (via Torre Morena e altre); il degrado delle aree intorno ai cassonetti dell’immondizia, la maggior parte dei quali non più funzionali, anche a causa dei rifiuti lasciati da non residenti; l’esigenza di controlli periodici sulla pulizia da parte dei frontisti del fosso dell’Incastro (la cui esondazione a novembre 2014 ha causato gravi danni ad abitazioni e imprese in particolare della zona di via Spatola, problema su cui il Cdq ha coinvolto anche la Regione Lazio); la persistente assenza di specchi in alcuni incroci pericolosi (ad esempio via Fontanile Anagnino angolo via Verbicaro), i rischi creati dalla mancanza di marciapiedi (es. via Casal Morena), la sosta selvaggia (ad esempio nella zona della posta, con disagi anche per i disabili; durante le ore di mercato nell’area di via Anagnina; sui marciapiedi di via dei Sette Metri); l’opportunità di invertire lo stop tra via Vigne di Morena e via Petrizzi (visto che il numero di autoveicoli provenienti da quest’ultima è ormai superiore).

Si è discusso inoltre delle problematiche riguardanti il campo rom La Barbuta, su cui la polizia locale ha ribadito l’impegno a intervenire, e dell’esigenza di controlli sulle nuove costruzioni. È il caso della nuova palazzina in via del Fosso dell’Acqua Mariana, innalzata su un’area vincolata nelle vicinanze del fosso, come segnalato dal CdQ. Su tale situazione la Polizia locale è prontamente intervenuta, avviando accurate indagini.

Il Comitato ha infine ribadito l’esigenza, più volte manifestata in passato, di verificare il rispetto degli atti d’obbligo sulle concessioni edilizie. A Morena, infatti, numerosi condomini hanno recintato gli spazi antistanti le rispettive proprietà, togliendo di fatto agli altri cittadini il diritto di usufruire di tali aree.

Il Comandante Giovagnorio, nell’accogliere la legittimità delle richieste e la disponibilità mostrata dal CdQ, ha spiegato che, attraverso la presenza sulle strade di Morena, è sua intenzione attivare gradualmente sinergie positive con la cittadinanza, operando con priorità per la messa in sicurezza delle strade.