Si è tenuta giovedì 19 novembre, dalle ore 17 – presso la scuola elementare dell’Istituto comprensivo Gianni Rodari di Via Niobe – l’Assemblea sull’avvio della raccolta differenziata porta a porta, promossa dal Comitato di Quartiere Morena e dallo stesso Istituto Gianni Rodari, in collaborazione con l’AMA.

Molto alta la partecipazione dei cittadini, al punto che il CdQ ha deciso seduta stante di spostare l’incontro dalla sala riunioni alla palestra, consentendo così ai circa 200 intervenuti di poter partecipare attivamente.

All’esterno della palestra l’AMA ha allestito un banchetto in cui due addette hanno distribuito ai partecipanti materiale informativo e moduli preparati ad hoc dal CdQ per poter rivolgere per iscritto domande e segnalazioni al delegato AMA intervenuto in assemblea.

L’incontro, moderato dal vicepresidente Walter Scarpino, è stato aperto dalla Preside dell’Istituto Maria Pia Foresta, che ha spiegato come l’iniziativa del CdQ ben si coniughi con l’attività dell’istituto Gianni Rodari per sensibilizzare studenti e famiglie intorno ai temi dell’ambiente e del riciclo dei rifiuti. Dopo il saluto introduttivo del presidente Enzo Richetti, il delegato AMA Andrea Viglietta, assistito dalla collega Katia Trobbiani, ha illustrato le finalità e le modalità di svolgimento della raccolta differenziata porta a porta, annunciando che l’AMA sta ultimando la consegna dei Kit per la raccolta differenziata alle famiglie di Morena e avviando la consegna degli stessi alle attività economiche e commerciali presenti sul territorio, seguendo un crono programma in base al quale è ipotizzabile l’avvio ufficiale del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti entro la prima settimana di dicembre.    

Il CdQ ha avanzato la proposta di posticipare l’avvio della raccolta differenziata a dopo le festività natalizie, periodo critico per il comprensibile incremento di rifiuti anche ingombranti che creerebbero inevitabili complicazioni al concomitante avvio della raccolta differenziata porta a porta; proposta che il delegato AMA porterà all’attenzione dei vertici dell’azienda per le opportune valutazioni.

I cittadini hanno partecipato con molta attenzione ai lavori, rivolgendo oltre quaranta domande e segnalazioni scritte all’AMA, raccolte grazie all’assistenza dei consiglieri Graziella Craba, Roberto Minotti e Giuseppe Valentini e alle quali il delegato AMA ha risposto. In particolare sono risultati più “caldi” i temi relativi allo smaltimento di potature e ramaglie e degli escrementi degli animali domestici. Diverse anche le richieste di cittadini abitanti in consorzi e condomini relativamente alla gestione degli accessi da parte degli operatori AMA per il ritiro dei rifiuti porta a porta.

Per le potature, l’AMA ha risposto che andranno identificate aree di raccolta periodica in punti itineranti del quartiere; per gli escrementi dei cani l’azienda sta valutando l’opportunità di installare appositi contenitori stradali, mentre in casa possono essere riposti nei sacchetti dei rifiuti organici, avvolti dentro involucri biodegradabili che non lascino uscire cattivi odori. Sui casi particolari di condomini e consorzi, l’AMA valuterà caso per caso a seguito delle esigenze e delle segnalazioni, d’intesa con i cittadini. A tale scopo ci sarà una fase di transizione (presenza di cassonetti tradizionali e avvio della differenziata PAP) in cui sarà possibile trovare soluzioni adeguate per ciascun caso. 

Sul tema delle multe, il delegato AMA ha spiegato che l’azienda, comprendendo la complessità del nuovo metodo di scarto e raccolta, intende accompagnare i cittadini e non punire al primo errore.

Il CdQ ha inoltre chiesto all’AMA di effettuare controlli sul territorio per arginare il rischio dell’abbandono di rifiuti in strada o nei pressi delle nuove campane del vetro.

Tutte le domande e le segnalazioni dei cittadini e del CdQ, su richiesta dell’AMA sono state raccolte e verranno catalogate e inoltrate all’azienda.

Il CdQ promuoverà altri incontri sul territorio per ampliare la conoscenza e l’informazione attorno al tema della raccolta differenziata porta a porta e della tutela ambientale.

L’assemblea si è chiusa intorno alle ore 18,40.